Argomenti


Dati generali

Edilizia

Geotecnica

Rilevamento

Territorio

Idraulica

Chimica

Macchine

Energetica

Elettrotecnica

Elettronica

Informatica

Telecomunicazioni

Economia aziendale

Produzione

Ambiente

Qualità e sicurezza

Libro > I collegamenti nelle strutture in acciaio


link alla libreria Hoepli

Autore: Luca Springhetti

I collegamenti nelle strutture in acciaio

Nella progettazione delle strutture di acciaio i collegamenti giocano un ruolo fondamentale poiché una scelta adeguata incide sia sulle prestazioni statiche, sia sull'economia della struttura stessa. Gli approfonditi studi e le sperimentazioni condotte negli ultimi anni hanno permesso l'evoluzione sostanziale della normativa e l'introduzione del modello di collegamento semirigido, che viene ad aggiungersi ai due usuali modelli di cerniera ideale (intelaiature semplici) e di incastro perfetto (intelaiature continue). In tal senso la classificazione dei collegamenti in base alla resistenza e alla rigidezza assume un ruolo decisivo: ad essa è dedicato il capitolo primo dell'opera.
Nel secondo capitolo vengono affrontate le regole generali per la progettazione dei collegamenti bullonati, introducendo i nuovi sistemi unificati di bulloneria strutturale HR, HV, HRC di cui alla EN 14399 "Bulloneria strutturale ad alta resistenza a serraggio controllato" e il sistema SB di cui alla EN 15048 "Bulloneria strutturale non a serraggio controllato".
Nel terzo capitolo vengono affrontate le regole generali per la progettazione dei collegamenti saldati, analizzando le diverse tipologie di saldatura e la metodologia di calcolo della relativa resistenza di progetto.
Il capitolo quarto è dedicato alla progettazione dei nodi trave-colonna negli edifici a telaio e illustra la metodologia operativa per il calcolo della resistenza flessionale e della rigidezza nodale in base al metodo delle componenti previsto dalla normativa europea.
I capitoli quinto, sesto e settimo sono dedicati alla progettazione dei collegamenti nominalmente incernierati, quali il collegamento con piastra di testa flessibile (flexible end plate o header plate), il collegamento con piastra d'anima (fin plate) e il collegamento con squadrette d'anima (double angle web cleats). Per ciascuna tipologia viene fornita la modalità operativa per il calcolo  della resistenza di progetto a taglio del collegamento, proposta attraverso una procedura step by step facilmente implementabile in fogli di calcolo.
I capitoli ottavo e nono sono invece dedicati rispettivamente alla progettazione dei giunti colonna-colonna in assenza di contatto (non-bearing column splices) e in presenza di contatto (bearing column splices).
Infine il capitolo decimo è dedicato alla progettazione di un giunto trave-colonna soggetto a momento flettente, esponendo in modo chiaro la procedura di calcolo della capacità portante con il metodo delle componenti, indicata in modo teorico al precedente capitolo quarto.
Le numerose appendici, presenti nella parte finale del volume, lo rendono un manuale operativo da consultare nella corrente pratica professionale.

Indice
Argomenti trattati
- Classificazione e tipologie di collegamenti
- Collegamenti bullonati - Collegamenti saldati
- Nodi trave-colonna negli edifici a telaio
- Collegamento a cerniera con piastra di testa flessibile
- Collegamento cerniera con piastra d'anima
- Collegamento cerniera con squadrette d'anima
- Giunto colonna-colonna senza contatto
- Giunto colonna-colonna per contatto
- Giunto trave-colonna a momento.

Appendici
- Tabelle di progetto.
- Tipologie di acciai per impieghi strutturali secondo EN 1993-1-1.
- Bulloni normali e bulloni ad alta resistenza.
- Coppie di serraggio dei bulloni ad alta resistenza precaricati.
- Sistemi HR secondo EN 14399–3.
- Sistemi HV secondo EN 14399-4.
- Rondelle piane secondo EN 14399-5.
- Minimo e massimo interasse, distanze dall'estremità e dal bordo per i dispositivi di giunzione secondo EN 1993-1-8.
- Resistenza di progetto per singoli dispositivi di giunzione soggetti a taglio e/o trazione secondo EN 1993-1-8.
- Calcolo delle lunghezze efficaci del T-stub. Verifica in corrispondenza della sezione mortesata di una trave.
- Caratteristiche geometriche dei più comuni tipi di profilati.
- Mortesatura delle travi.
- Piatti d'anima di rinforzo.
- Squadrette per collegamenti.
- Rappresentazione grafica delle saldature secondo UNI EN 22553.


Aree


Manuali Hoepli

Aggiornamenti

Norme tecniche

Autori

Dibattiti

Eureka


Il tuo manuale


Nuovo Colombo

Ingegnere civile e ambientale

Prontuario dell'Ingegnere

Ingegnere meccanico

Nuovo Gasparrelli

Biondo-Sacchi


pixels
Copyright ©2001-2007 - HOEPLI S.p.A., Via U. Hoepli 5, 20121 Milano
Tel. +39 02 864871 - fax +39 02 8052886 - P.IVA 00722360153 - Tutti i diritti riservati
Condizioni d'uso e disclaimer - Crediti